Dopo 70 anni, Cannes si rinnova

Dopo 70 anni, Cannes si rinnova

Alcuni lo chiamerebbero un messaggio misto. Il festival cinematografico di Cannes ha finalmente aperto le sue zone esclusive VIP ai disgraziati teatrali televisivi. E poiché la festa francese è l’orgoglioso custode della tradizione cinematografica europea, la decisione di mettere in anteprima la nuova serie di Twin Peaks e Top of the Lake al centro dei suoi 70 anni è una concessione significativa. La conduzione del festival, affidata a Pedro Almodovar e Monica Bellucci (del cui ingaggio Lo Sfoglio ne parlava già prima che fosse ufficiale).

Eppure potrebbe essere l’ultima volta che le relazioni sono così cordiali. Mentre Cannes si prepara ad offrire un abbraccio bejeweled ai produttori televisivi dal 17 al 28 maggio, gli organizzatori del festival hanno annunciato che Netflix, un protagonista della nuova era di intrattenimento di abbonamento, sarà in futuro bandito dalla concorrenza cinematografica. A meno che l’azienda non rinunci la sua libertaria pratica di mettere i nuovi film direttamente sugli schermi televisivi, saltando la consuetudine del passaggio in cinema e teatro, l’iscrizione sarà definitivamente scorporata.

«La filosofia di Netflix di non sostenere il cinema va contro tutto quello che Cannes ha affermato», ha affermato Thierry Frémaux, direttore del festival. Non si sente affascinato, ha affermato, dal punto di vista del dirigente principale di Netflix.

«Ted Sarandos ha detto in precedenza qualcosa di simile: “Non ci preoccupiamo con questi vecchi teatri parigini, ma noi a Cannes prendiamo cura di questi vecchi teatri parigini”», ha detto Frémaux a Variety. «I teatri sono essenziali e abbiamo un legame affettuoso con loro. Ho salvato tre teatri di arte a Lione e applaudo Quentin Tarantino per aver salvato il New Beverly Cinema e Nanni Moretti per il suo teatro a Roma».

La controversia è sorta quest’anno a causa della provenienza sovversiva di un paio di film selezionati per competere per il premio ambito del festival, la Palma d’Oro. Sia Okja, realizzato dal film-maker sudcoreano Bong Joon-ho, e Le Storie di Meyerowitz, diretto da Noah Baumbach, che sono state finanziate da Netflix e non sono destinate a un ampio spettacolo teatrale.

Di conseguenza, il festival di Frémaux ha «deciso di adattare le proprie regole a questa situazione invisibile finora: qualsiasi film che desideri competere a Cannes dovrà impegnarsi a essere distribuito nei teatri cinematografici francesi». Le nuove condizioni si applicheranno dal 2018.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com